Torino da scoprire

Quando si ha a che fare con Torino è inevitabile entusiasmarsi. I motivi sono innumerevoli, forse infiniti, e se decifrarli è cosa ardua, scoprirli a volte diventa un gioco. Torino è una città multirazziale: cresciuta all’ombra della Fiat alla fine dello scorso millennio si è demograficamente espansa grazie al forte richiamo industriale, così che dapprima divenne meta di una affluenza immigratoria proveniente dal sud e dal nord-est d’Italia; ultimalmente ha ancor più allargato le proprie braccia, diventando una piccola metropoli multietnica.
Torino è una città da amare: lo si scopre giorno dopo giorno, percorrendola, vivendola rapiti e coinvolti da quell’insieme pregno di natura e storia. Come un’amante tenuta distante, se ne avvertono le pene non appena ci si abbandona. Torino è da fotografare: lo sfondo si abbina perfettamente a qualsiasi contesto, una scenografia a cielo aperto, presa di mira dai tanti “click” responsabili di immortalare momenti unici. Torino è anche da scrivere, da respirare, da scoprire. Così nel settembre del 2013, sull’onda del crescente successo turistico, in grado di trasformare la città postindustriale e noi stessi torinesi, in brillanti visitatori alla ricerca di continue novità, venne aperta in fb una stanza virtuale, TORINO DA SCOPRIRE.
Ovvero, una vetrina web allestita con gli occhi e la sensibilità nostrana, dove ciascuno può contribuire mediante l’apporto di testimonianze a tema, in continua evoluzione.
Parecchie persone hanno collaborato inserendo nel tempo veri e propri capolavori.
Il tutto si è allargato a macchia d’olio coinvolgendo sempre più gente, con una sorta di passaparola oltremodo gratificante. Cittadini, turisti, personaggi pubblici e istituzionali.
Scatti fotografici casuali o ricercati, frutto di lunghi appostamenti studiati nei minimi dettagli, o il “carpe diem” di un attimo, si sono via via amalgamati a notizie date a titolo informativo, anticipazioni di eventi; o piccole denunce sociali. Se non che nozioni storiche ricavate da minuziose ricerche, per andare ad appagare anche le più semplici curiosità.
A seguito di siffatto successo si è pensato di selezionare diverse chicche, trasportandole fuori dal web per rilegarle in una preziosa sequenza racchiusa in questo libro.
E se è vero che “la bellezza salverà il mondo”…In questa raccolta si è cercato di cogliere qualche frammento di quella bellezza per fissarla nel tempo.

No Comments

Post A Comment